Indagine sull’ipnosi in italia

Ad Oggi, la maggior parte delle persone ha sentito parlare di ipnosi. Io stesso ne ho dato una prima definizione in un altro articolo. In particolare nel contesto italiano, tra gli utenti dilaga la disinformazione più totale, ciò talvolta spinto dalle deformazioni dei media. Questo è emerso nel convegno tenuto dal 21 al 23 Ottobre 2016 a Verona, dalla Società Italiana di Ipnosi (una tra le più autorevoli società scientifiche), in collaborazione con Università degli studi di Padova, Università degli studi di Verona, ed ENPAP (l’ente di previdenza per gli psicologi).

A seguito dell’indagine condotta da alcuni colleghi in collaborazione con BRAINFACTOR, un sito di informazione di ricerche in psicologia e neuroscienze, è emerso un quadro preoccupante per gli addetti ai lavori. Tra gli utenti, che si sono sottoposti ai questionari della ricerca, risulta una scarsa conoscenza di cosa sia realmente l’ipnosi, e l’ipnosi clinica. Ancora oggi viene confusa con una sorta di visione magica, quando in verità è uno strumento con elementi misurabili e dismostrabili scientificamente (Clicca qui per l’articolo esteso riguardante la ricerca).

Quello che è più preoccupante è che in questo panorama di disorientamento, rischiano di pagarla sia in termini economici, che salutari i pazienti, esposti alla mercé di ciarlatani o maghi che dicono ad esempio di usare l’ipnosi per mostrare le vite passate, o coloro i quali pretendono di insegnare l’ipnosi, attraverso corsi, convegni, senza tuttavia averne le conoscenze, ne le competenze.

E’ importante quindi che gli utenti si informino in modo adeguato prendendo contatto con strutture professionali specifiche. In particolare la società Italiana di Ipnosi, sul suo sito mette a disposizione un albo con i nominativi dei professionisti, e le relative competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.